Sono una scrittrice esordiente. Sin da giovanissima mi sono cimentata a scrivere racconti. Qui ho trovato uno spazio dove esprimermi, dove postare i miei racconti in attesa del vostro giudizio, ma anche un luogo dove parlare di libri o semplicemente per raccontarvi della mia esperienza come scrittrice; a volte mi permetterò anche di divagare, per fermare un’idea o un momento. Ad ogni modo sarà un luogo dove imparare a scrivere e dove esercitarmi: un taglia e cuci di parole, proprio come un atelier!

mercoledì 23 ottobre 2013

Un libro per Halloween

Il mercatino dell’usato che si teneva una volta al mese era la scusa per prenderci una giornata lontana dai problemi quotidiani e per ritrovarci da sole a parlare e, a volte, spettegolare. Non mancava mai nessuna all’appuntamento, anche se ci sentivamo al telefono molto spesso e altrettanto spesso ci trovavamo a bere un caffè o a fare shopping un pomeriggio; ma solo quella era l’occasione per ritrovarci sempre tutte insieme, come quando giocavamo da bambine: Sofia, Rossanna, Carolina, Giulia e io. Niente mariti, amanti o figli. E non si trattava di una mattinata di shopping tra amiche, perché solo raramente una di noi acquistava davvero qualcosa. Era una semplice scusa per stare insieme come ai vecchi tempi e per parlare, scherzare, sfogarci, come quando eravamo bambine. Un modo per rinnovare la nostra amicizia tutte insieme.
Quel giorno notai un vecchio libro, che attirò la mia attenzione. Era piuttosto malconcio e sulla copertina che un tempo doveva essere stata rossa era raffigurato una specie di demone, che invece di incutermi quel briciolo di paura che tutti i demoni provocano, anche solo a vederli raffigurati, mi ispirò una specie di simpatia. Mi fermai, arrestando i discorsi delle mie amiche, lo presi in mano e lo sfogliai.
«Ma che schifezza!» Mi apostrofò Giulia.
«Lo trovo carino! A quanto lo vende?»
«Dieci euro.»
«Ma non vorrai mica prenderlo?» Insistette Giulia.
«Ma sarebbe un bel soprammobile per la mia festa di Halloween!»
«In effetti per Halloween è proprio indicato!» Mi sostenne Carolina, con una voce divertita.
«Però con dieci euro ti compri qualcosa di più bello… Non ti sembra un po’ caro per essere un brutto libraccio vecchio?» Commentò Rossanna. «Sono certa che in soffitta ho dei libri vecchi e malconci, se proprio ti servono per addobbare la festa di Halloween.»
«Guardi, glielo posso dare per cinque…» Ci interruppe il venditore.
«Ma dai Rossanna, così macabri non ne hai di sicuro!»
«Ma è così kitch!» Commentò Giulia schifata. «Prendi qualcos’altro, dai!» E cercò di allontanarmi dalla bancarella.
«No, per me è perfetto. Cinque euro, ha detto?» E porsi al signore un banconota da cinque euro, trattenendo il libro con l’altra mano.
«Io non te lo porto. Mi fa senso…» Proseguì Giulia, accennando un muso imbronciato.
La discussione sul libro continuò davanti a una tazza di caffè. Sofia e Carolina lo ritenevano il pezzo macabro per eccellenza, ideale per la mia festa, il punto di attrazione, Rossanna seppure non ammettendolo lo trovava in qualche modo affascinante, visto che lo prese in mano per sfogliarlo, e alla fine concluse che forse, in effetti, in soffitta non avrebbe trovato nulla di così gotico. Solo Giulia continuava a ribadire che era una cosa inguadabile e in qualche modo sembrava temerlo.
Come previsto la festa fu un vero successo. Modestamente le mie feste lo erano sempre: non per nulla le mie amiche mi chiedevano sempre aiuto per feste ed eventi in genere. Il libro, poi, fu un vero successo! Gli avevo riservato un bel posto d’onore sulla tavola centrale, dove avevo raccolto oggetti macabri di ogni tipo, mescolati ad alcolici serviti in ciotole lugubri ed improbabili e a manicaretti raffiguranti dita smozzate, bare, fantasmi, zucche, streghe e ogni classico personaggio della festa di Halloween. Ovviamente non avevo trascurato nemmeno il resto della sala, addobbata a dovere con ragnatele, teschi, pipistrelli e candele. Avevo perfino acceso il caminetto. La taverna si prestava molto bene ad essere addobbata per ogni tipo di occasione. Avevamo fatto molto bene a costruirla, merito di mio marito che l’aveva fortemente voluta per le rimpatriate con gli amici chiassosi. L’atmosfera era perfetta e i liquori sortivano il loro effetto. Tutti sembravano divertirsi. Ad un certo punto il libro iniziò a girare di mano in mano, perché, mi resi conto, anche se un po’ annebbiata dai fumi dell’alcool, che non solo le immagini ivi raffigurate erano perfette per la serata a tema, ma anche le parole scritte in una strana lingua sembravano ricordare un vecchio libro di incantesimi. Fu un vero spasso vedere amici vari atteggiarsi a streghe e stregoni. SoloGiulia non lo prese mai in mano, anche se sembrava comunque divertirsi.
In effetti, la mia fu una festa indimenticabile, ma non per la motivazione che speravo.
Non so se fu colpa del troppo alcool o della soggezione subita dal tema, oppure da entrambe le cose, miste a un po’ di superstizione che ognuno di noi ha in fondo al cuore, ma ad un certo punto sembrò che il libro si fosse impossessato di noi e la stanza mi sembrò diventare gelida e buia. I miei amici cominciarono ad avere un comportamentoeccessivamente lascivo e sul loro volto, al posto del sorriso di chi si diverte, si stampò un ghigno diabolico. Stefano, il marito di Rossanna, mi afferrò per un braccio e mi tirò a sé, assestandomi un violento bacio sulle labbra, lì davanti a lei che non disse niente, ma anzi sembrò quasi approvare. Anche mio marito non si mostrò minimamente infastidito dal comportamenti di Stefano, anche se non lo aveva mai sopportato. Allora mi divincolai e scappai in una angolo. Passando accanto ai miei invitati, mi sembrò quasi volessero trattenermi in quel agglomerato di corpi, che non avevano più niente di umano. La testa mi girava.
Avevo decisamente bevuto troppo.
Ad un tratto mi mancò l’aria e mi accasciai a terra spaventata. Spaventata da quello che stavo vedendo attorno a me, e dalla mancanza di certezza. Avevo le allucinazioni, perché vedevo demoni aggirarsi dovunque. Li distinguevo a mala pena, perché la stanza si faceva sempre più scura e fredda.
Due braccia mi sollevarono e mi sentii abbracciare con calore. Era Giulia.
«Mi sa che ho bevuto troppo…» Mi giustificai imbarazzata, ma la mia amica continuava a guardarmi con occhi preoccupati. Gli altri, invece continuavano a ridere e scherzare, con le loro facce demoniache, senza prestare la minima attenzione al mio malessere, ma anzi godendone.
D’improvviso mi sembrò che Giulia venisse circondata da una luce bianca, che rischiarò tutto intorno, attirando gli sguardi dei miei diabolici amici, che dimostrarono non apprezzare quella novità, lanciando in coro un urlo sovrumano.
Giulia corse da Sofia, che stava leggendo rapita un passo del libro e glielo strappò dalle mani, scaraventandolo nel caminetto acceso. Sofia cercò di afferrarlo, ma si scottò la mano e si ritrasse emettendo un suono sibillino. Il volume prese subito fuoco e in pochi secondi si polverizzò.
Giulia mi guardò negli occhi con sguardo rassicurante. Mi accasciai su un divano libero e mi addormentai.
Quando mi svegliai, la festa stava tranquillamente proseguendo. Accanto a me c’era mio marito.
«Tesoro. Ti eri addormentata… Hai bevuto un po’ troppo stasera… Lo sai che non sopporti l’alcool!» Disse con un tono un po’ preoccupato. «Anche se la tua grappetta alla zucca non è niente male!» Proseguì con tono scherzo, porgendomi una tazza di caffè nero.
Solo allora mi resi conto che accanto a me c’era anche Giulia, che mi teneva per mano.
«Come ti senti?»
«Meglio grazie. Ha ragione Daniele, ho davvero bevuto troppo. Ho fatto un terribile incubo…»
«Sst!» Mi zittì Giulia, appoggiandomi delicatamente la mano sulle labbra. «Certe cose è meglio dimenticarle.»

Mi guardai in giro. Il libro sembrava sparito. Non si trovava né sul tavolo né in qualche mano. Sicuramente lo aveva preso qualcuno, per portarselo a casa, ma non indagai più a fondo: l’altra ipotesi era davvero peggiore. Ma in fondo al mio cuore sapevo di avere accanto a me il mio angelo custode.

2 commenti:

  1. Ciao scusami se ti scrivo in questa sede ma non sono riuscita a trovare un altro modo :(
    Mi chiamo Francesca e curo il blog "non ditelo all'architetto"...ho visto che lo segui e prima di tutto ti ringrazio davvero di cuore. Volevo comunicarti che da domani il blog diventerà un sito e l'indirizzo a cui mi troverai sarà www.myinteriordesign.it. Grazie ancora e complimenti per i tuoi tanti interessi...che condivido.
    Francesca

    RispondiElimina